Bormio è una realtà ancora oggi legata alle sue tradizioni e ai suoi sapori. Una cucina semplice ma dal gusto deciso, sono tra le principali caratteristiche.

Il menù del perfetto valtellinese

“Noi vorremmo invitarvi a gustare i nostri sapori di una volta e per questo abbiamo scelto, tra i piatti più caratteristici, quelli più famosi e anche, forse, i più facili da preparare. Cominciate a stuzzicare l’appetito con un antipasto a base di bresaola, carne di manzo (ma anche di cervo) salata ed essicata da consumarsi, preferibilmente, al naturale. La potrete gustare accompagnata da un piatto di sciatt, frittelline rotonde di grano saraceno ripiene di formaggio o dai taròz, una sorta di purè a base di patate, fagiolini, formaggio e burro.

A seguire, ovviamente, i mitici pizzoccheri, tagliatelle di grano saraceno condite con formaggio, patate, verze e tanto burro; in alternativa, meritano un assaggio anche le manfrigole, crespelle di grano saraceno ripiene di formaggio e bresaola. 

Come secondo, la polenta taragna fatta con farina nera, burro e formaggio accompagnata da salmì di cervo e cacciagione, con funghi porcini di contorno. Prima del dolce, un pezzettino di formaggio, Casera, Scimudin o Bitto, il re tra le produzioni casearie valtellinesi.

Come dessert, una fetta di bisciöla, rustico panettone con noci, fichi e uvette. Il tutto, accompagnato dai vini valtellinesi(Sassella, Grumello, Inferno e Sfursat, per nominare i più conosciuti). E, dopo il caffè del pignattino, è tempo di un brindisi con una grappa o con un amaro locale, Braulio, Taneda o Genepì.

Buon appetito e buona degustazione, all’insegna dei sapori di una volta!”

 

Fonte testo e foto:
www.bormio.eu

 

TRADIZIONI

Le tradizioni bormine affondano le proprie radici  nella cultura contadina e montana che caratterizzano la storia di Bormio. Tramandate di generazione in generazione sono oggi manifestazioni molto sentite dalla popolazione locale.

Tra le più importanti e riconosciute abbiamo:

I Pasquali che si svolgono il giorno di Pasqua e sono motivo di attrazione da parte sia della gente locale sia dei numerosi turisti che scelgono Bormio. Una sfilata di portantine realizzate dagli artigiani dei vari reparti di Bormio e vestiti per l’occasione con il costume tipico, che attraversano tutta la via Roma fino alla piazza del Kuerc dove saranno benedette. Queste portantine esprimono un messaggio a carattere religioso.

Il trasporto del Santo Crocifisso, custodito nella chiesa di San Antonio Abate nella contrada di Combo, è una sentita funzione religiosa in cui si rende omaggio al Santo Crocifisso di Combo portandolo per le vie del paese fino a giungere alla chiesa parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio dove rimane esposto per tre giorni all’adorazione della popolazione.

“Geneiron” che indica la sera del 31 gennaio, prevede che quel giorno i bambini facciano baccano il più possibile pensando che l’enorme baccano fatto potesse risvegliare la primavera.

L’ “Ors fora dela tana” celebrata il 2 febbraio consiste nell’attirare con un pretesto o uno stratagemma qualcuno al di fuori della propria abitazione. Anche questa tradizione è legata all’arrivo della primavera in cui l’orso, un tempo diffuso in queste zone, usciva dal suo lungo letargo invernale.

“Gabinat” usanza del giorno della befana dove, sin da tempi antichissimi, vige l’usanza tra gli abitanti di Bormio di salutarsi pronunciando l’espressione “gabinat”. Il primo tra i due che riesce a pronunciare la parola, secondo l’usanza, avrebbe il diritto a ricevere un dono dall’altro. La parola dialettale “gabinat” deriva dal tedesco gabe-nacht (notte dei doni).

Podestà dei Mat, celebrato durante la settimana di carnevale e definito secondo la tradizione il “carnevale dei Matti”. In quel periodo, la cosiddetta Compagnia dei Matti, costituita da giovani del paese, individuava quello che sarebbe stato incoronato Podestà dei Mat regnando sul Contado spodestando le vere autorità.

Il Palio delle Contrade, sfida sportiva sugli sci tra i cinque reparti che compongono Bormio.

 

Fonte testo e foto:
www.bormio3.it

 

E PER SCOPRIRNE DI PIU’ SULLA CULTURA DI BORMIO: